Dr.ssa Denise Bargiacchi

Psicologa - Psicoterapeuta
Lo studioLo_studio.html
ContattiContatti.html
ServiziServizi.html
HomeHome.html
Dove sonoDove_sono.html
Chi sonoChi_sono.html

Distur







DISTURBI DI PERSONALITA’

Disturbo Borderline di Personalità


L’individuo che soffre di Disturbo Borderline di Personalità è caratterizzato da instabilità delle relazioni interpersonali, instabilità dell’autostima e dell’umore; presenta inoltre una marcata impulsività, con oscillazioni tra poli opposti in molte altre aree funzionali della vita.


Le persone Borderline provano intensi timori di abbandono e rabbia inappropriata anche quando si trovano ad affrontare separazioni limitate nel tempo, come, ad esempio, panico o furore quando qualcuno per loro importante è in ritardo di pochi minuti.

I timori di abbandono sono correlati ad un’intolleranza a stare soli e alla necessità di avere persone vicino così che compiono sforzi disperati per evitare abbandoni reali o immaginati, mettendo in atto azioni impulsive, come comportamenti automutilanti o suicidari. I soggetti Borderline vivono l’abbandono come una conseguenza del fatto di essere “cattivi”, perciò lasciati soli.

Questi individui hanno una modalità di relazione instabile e intensa, possono idealizzare protettori o amanti potenziali al primo incontro, chiedere di trascorrere molto tempo insieme e condividere i dettagli più intimi all’inizio di una relazione. Possono passare rapidamente dall’idealizzare allo svalutare le altre persone, sentire che non si occupano abbastanza di loro, non danno abbastanza e non sono abbastanza “presenti”. Questi individui empatizzano con gli altri e li coccolano, ma solo con l’aspettativa che gli altri saranno “presenti” a loro volta per soddisfare le loro necessità. Sono inclini a cambiamenti improvvisi e drammatici della loro visione degli altri, che possono essere visti alternativamente come supporti benefici o come crudelmente punitivi.


Nel Disturbo Borderline inoltre può esservi un disturbo dell’identità caratterizzato da un’immagine di sé o da una percezione di sé instabile, con variazioni improvvise e drammatiche dell’immagine di sé, caratterizzate da cambiamenti di progetti, di valori e di aspirazioni.


Gli individui con questo disturbo manifestano impulsività. Possono, ad esempio, giocare d’azzardo, spendere soldi in modo irresponsabile, fare abbuffate, abusare di sostanze, coinvolgersi in rapporti sessuali non sicuri o guidare spericolatamente.


Possono anche essere presenti gesti o minacce suicidari, o comportamenti automutilanti, come tagliarsi o bruciarsi. La tendenza ricorrente al suicidio è spesso la ragione per cui questi individui chiedono aiuto. L’automutilazione può verificarsi durante esperienze dissociative e spesso porta sollievo, riaffermando la capacità di sentire o di espiare la sensazione di essere cattivo.


Gli individui con Disturbo Borderline di Personalità possono manifestare instabilità affettiva dovuta ad una marcata instabilità dell’umore (per es. depressione, irritabilità o ansia episodica, che di solito durano poche ore e solo raramente più di pochi giorni). L’umore disforico di base è spesso spezzato da periodi di rabbia, panico o disperazione, ed è raramente sollevato da periodi di benessere o soddisfazione. Può essere presente un sentimento cronico di vuoto e noia.


Frequentemente i soggetti Borderline esprimono rabbia inappropriata ed intensa con difficoltà a controllarla. Possono manifestare estremo sarcasmo, amarezza costante o esplosioni verbali. La rabbia è spesso suscitata dal vedere una loro cara persona come disattenta, rifiutante o abbandonante. Tali espressioni di rabbia sono spesso seguite da vergogna e colpa, e contribuiscono alla sensazione di essere cattivi.


Il Disturbo Borderline di Personalità inizia nella prima età adulta.






Oggi parliamo di..Oggi_parliamo_di...html